biografia

Alessandro D'Introno nasce a Corato (Bari) il 24 novembre 1989, dopo la maturità tecnico-commerciale scopre una passione importante per la letteratura e un desiderio irrefrenabile di dedicarsi alla lettura e all'ascolto delle voci nel mondo della scrittura contemporanea. Ha 28 anni, un bagaglio culturale nel mondo letterario da autodidatta, partecipa ad alcuni concorsi di poesia vincendone qualcuno e si iscrive alla facoltà di Lettere in Cultura Teatrale presso l'Università degli Studi di Bari



anteprima del libro

Download
anteprima Pagine da Quel filo_DINTRONO.p
Documento Adobe Acrobat 96.6 KB

conosciamoci meglio

Abbiamo sottoposto Alessandro D'Introno ad alcune domande. Prima di lasciarvi alla lettura dell'intervista, chiediamo a voi di provare a dare delle risposte alle stesse domande e di inviarcele o di inserirle nello spazio "lasciate un feedback" o di commentare, nello stesso spazio, le risposte di Alessandro. Buona lettura...

 

D.: Chi sei?

R.: un ragazzo curioso che cerca di scavare dalla realtà l’essenza della realtà stessa

D.: Tre aggettivi positivi

R.:  umile, coraggioso, buono

D.: Tre aggettivi negativi

R.:  ansioso, ipocondriaco , “troppo” buono

D.: Perché scrivi? 

R.: per sentirmi realmente libero e per inculcare l’uso della fantasia per liberarci dalla ipocrita quotidianità

D.: Cosa pensi della letteratura italiana?

R.:  è l’essenza identificativa della nostra sottile bontà e intelligenza insita in ciascun italiano; la letteratura dovrebbero diventare una delle nostre merci di scambio principale

D.: Cosa pensi della scrittura poetica degli ultimi trent'anni?

R.:  sembra ormai ferma alla poetica classica, senza originalità, incentrata su stessi temi; occorre dare più spazio alla Poetica Sperimentale e ogni cittadino dovrebbe almeno scrivere una poesia che rappresenti la propria vera identità da far conoscere e leggere da tutti

D.: Cosa leggi preferibilmente?

R.:  Romanzi di genere Avventura, Thriller psicologici, Azione, Fantascienza e Saggi Religiosi e Scientifici

D.: Cosa avresti voluto scrivere che è stato scritto da altri?

R.:  la sceneggiatura di “The Truman Show”

D.: A che periodo storico pensi di appartenere?

R.:  Tra il 600 e il 700, a cavallo tra l’era elisabettiana, della poetica metafisica e l’età augustea

 

D.: Cosa pensi del Testamento Biologico approvato in Parlamento?

R.: penso sia giusto dare la libertà di scelta , la morte per alcuni è il mezzo di libertà e di scelta di non soffrire più  e quindi sono favorevole


acquista una copia

Quel filo sottile tra equilibrio e pazzia

5,00 €

  • disponibile
  • spediamo in 3-5 giorni lavorativi1